Arredo ufficio per coworking: i consigli per non sbagliare

scrivania per ufficio

Arredo ufficio per coworking: i consigli per non sbagliare

logo-happiness

Per avere una condivisione dello spazio lavorativo efficace, l’arredo ufficio per coworking deve essere scelto con criteri precisi.
 

Ma prima di tutto, sai cosa significa coworking?

Il coworking è uno stile lavorativo che prevede la condivisione dell’ambiente ufficio con altre persone che svolgono attività lavorative diverse tra loro. Ogni individuo mantiene la propria indipendenza lavorativa, si condivide soltanto lo spazio (e ovviamente costi come riscaldamento, affitto, connessione internet, ecc).
I vantaggi non sono esclusivamente sul piano economico: il coworking permette di creare una rete di conoscenze e connessioni, di disporre di un ufficio condiviso ben arredato, con strumenti adeguati e una connessione internet veloce, di evitare l’isolamento che si avrebbe lavorando da casa e, infine, di avere un senso di appartenenza a una community.
 

Anche in Italia è una tendenza ormai affermata, un esempio concreto è dato da Cowo: progetto che ha creato una rete di coworking a livello nazionale.
Far funzionare un coworking non è sempre scontato, e l’arredo ufficio per coworking deve essere coerente con le aspettative e le esigenze. Prima di firmare un contratto coworking, è importante capire se quello spazio ci offrirà ciò di cui abbiamo bisogno (sala riunioni, strumentazioni, ecc…). Sarebbe bene accertarsene con una visita al coworking, in questo modo si avrà anche la possibilità di presentarsi e parlare direttamente con le persone con cui si andrà a condividere lo spazio.
Se questi step avranno un riscontro positivo, sarà il momento di controllare che il contratto faccia al caso tuo: molti spazi coworking offrono anche numerosi benefit oltre alla scrivania, come incontri, corsi, seminari, ecc.
 

Prima di tutto, l’arredo ufficio per coworking deve essere efficace e adatto allo scopo

Ecco alcuni consigli di Linekit se si vuole arredare un ufficio per coworking.
tube5
L’archiviazione deve essere a disposizione degli utenti.
Utilizzare mensole, mobili contenitori e cassettiere permette a chi utilizza la postazione di evitare di alzarsi per archiviare documenti: questo crea un risparmio di tempo. Le mensole, ad esempio, non riducono lo spazio di lavoro e creano l’effetto visivo di allungare l’ambiente.
Oltre a ciò, è bene inserire anche uno spazio adibito all’archiviazione di documenti di sporadica consultazione.

web15
L’organizzazione delle scrivanie è una questione di notevole importanza quando si tratta di arredo per ufficio per coworking. L’obiettivo è creare un ambiente open space che non sia una distrazione per gli utenti.
Se lo spazio a disposizione è poco, la soluzione più efficace è condividere un unico banco scrivania lungo una parete. Se invece avete un ambiente più ampio, potete pensare anche di disporre le postazioni su pareti opposte, in modo che gli utenti si diano le spalle ma possano comunque comunicare tra loro.
Solitamente i coworking intendono lo spazio ufficio come spazio condiviso, quindi open space; se si cerca un ufficio separato si perde in parte lo spirito alla base del coworking nonostante ci sia come opzione (in questo caso i costi di affitto aumentano).

smart7
Anche l’illuminazione gioca un ruolo fondamentale. Se lo spazio per una lampada da tavolo manca (per le dimensioni ridotte del piano oppure perché la scrivania è condivisa), una valida alternativa possono essere le luci pendenti, ma attenzione che non abbaglino, altrimenti diventano controproducenti e fastidiose.

web10
I colori e l’uso di stampe possono aiutare nella concentrazione, aumentando la produttività, la creatività, e nella personalizzazione dell’ambiente ufficio.
Se per i mobili ufficio per coworking consigliamo finiture in legno e bianco, per le pareti e i dettagli si può azzardare un tocco di colore o un pattern (più o meno tenue) per dare un’impronta personale. Anche inserire cornici, cimeli, e oggetti particolari aiuta a questo scopo. E non dimenticate le pareti in vetro per alleggerire le stanze.

Se poi volete dare un tocco in più, il consiglio di Linekit è quello di inserire nell’arredo ufficio per coworking anche uno spazio da dedicare al relax con divani e poltrone. Per chi lavora, quest’angolo sarà una terapia quotidiana dove trascorrere le proprie pause, per i clienti che verranno in ufficio sarà, invece, un’accogliente presentazione dell’open space.

About the author

Related Posts

Benessere e scrivanie per ufficio

BENESSERE E SCRIVANIA PER UFFICIO. UTILI CONSIGLI PER MIGLIORARE LA...

scrivania per ufficio napee

Scrivanie per ufficio di design presso la grande distribuzione?

Hai pensato di rivolgerti alla grande distribuzione per acquistare la...

Theme Settings